La Recensione: Patto MC – Vado Bene Così

Vado bene così” è il titolo del nuovo album di Patto Mc, al secolo Fabio Ferro.

Il disco in tredici tracce racconta uno spaccato della società odierna, toccando quasi tutti i temi ‘caldi’: partendo dal razzismo, arrivando alla droga, passando anche dalle icone che il mondo di oggi ci propone e\o propina. Per farlo, Patto si serve della sua poesia, di una scelta musicale davvero azzeccata per ogni singola traccia (le basi sono curate dall’ottimo Fabio Musta, beat maker già noto anche alla scena Hip Hop internazionale) e di importanti collaborazioni tra le quali figurano i Co’sang, Clementino, Paura, Dj Tayone ed Ensi.

In ogni traccia Patto dimostra di possedere un’ottima metrica, una oculata scelta delle parole, oltre che un uso vocale molto ben concertato con le musiche, risultando al fine molto ben confezionato, tanto che alcune strofe raggiungono quasi il poetico per il modo in cui riesce ad esprimere e ad imprimere concetti di universale valenza.

Il disco si chiude con la traccia “2012”, brano in cui l’MC affronta il delicato tema del “futuro ignoto oltre il fatidico 2012”. Non si sbilancia in una sua previsione, pur menzionando i possibili scenari ipotizzati, ma nel ritornello, con buona forza, ci ammonisce come tutto quello che “o’Patatern “ (Dio) ha creato e ci ha dato non è stato mai da noi apprezzato.

Si può benissimo affermare che “Vado Bene Così” sia a tutti gli effetti uno degli album rap più interessanti usciti nel 2010.

L’album è uscito in tutto in negozi  di dischi e digital download il 30 Novembre per La Grande Onda\Self.

Voto Finale: 8.

You can leave a response, or trackback from your own site.

One Response to “La Recensione: Patto MC – Vado Bene Così”

  1. diggita.it scrive:

    Patto MC – Vado Bene Così…

    “Vado bene così” è il titolo del nuovo album di Patto Mc, al secolo Fabio Ferro. Il disco in tredici tracce racconta uno spaccato della società odierna, toccando quasi tutti i temi ‘caldi’: partendo dal razzismo, arrivando alla droga, passando anche da…

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.